• Pagamento Alla Consegna

    Puoi pagare quando ricevi la merce a casa tua

  • Consegna gratis per ordini superiori ai 75€

    Ultima Spedizione 17.00

  • Protezione dei Dati del Cliente

    I tuoi dati sono al sicuro con noi

Filtri

Tutti desideriamo che il nostro amico felino goda sempre di ottima salute e che sia il più a lungo longevo. Per supportare uno stato di benessere generale, un aspetto importante da considerare è il sistema digestivo, processo che scompone il cibo ingerito trasformandolo in energia favorendo l'assorbimento dei nutrienti essenziali. Quindi è importante capire non solo il meccanismo che muove l’apparato digerente del gatto ma anche quali disturbi digestivi possono affliggerlo e prevenirli.

La digestione del gatto

Il sistema digestivo in un gatto funziona allo stesso modo di quello umano, naturalmente in dimensioni più ridotte. Ecco un elenco delle funzioni principali che esplica l’apparato digerente:

Scomposizione del cibo ingerito

La prima azione che svolge il sistema digerente è quella di scomporre il cibo ingerito trasformandolo nell’energia necessaria non solo per il movimento ma anche per sostenere altre funzionalità corporee come il sistema immunitario, la produzione ormonale, la riproduzione sessuale e la sintesi proteica, fondamentale per rinforzare la struttura ossea e muscolare.

Disintossicazione e purificazione

L’apparato digerente del gatto comprende fegato e reni che disintossicano e purificano l’organismo eliminando le tossine nocive e proteggendolo da eventuali malattie. Se uno dei due non funziona correttamente, il nostro amico felino può contrarre una serie di disturbi digestivi.

Benessere generale

Un sistema digestivo perfettamente funzionante influisce positivamente sulla salute e sul benessere generale del gatto. Per questo motivo, occorre prendere le misure adatte per supportare il sistema digestivo e prevenire eventuali disturbi.

Sintomi dei disturbi digestivi nei gatti

L’apparato digerente del gatto è complesso e comprende il lavoro di molti organi, per cui eventuali disturbi possono essere di varia natura. Tuttavia, i sintomi che possono verificarsi sono gli stessi ed includono:

  • Bava
  • Diarrea
  • Costipazione
  • Vomito
  • Rigurgito
  • Perdita di appetito
  • Emorragia
  • Dolore addominale
  • Gonfiore
  • Defecazione sotto sforzo
  • Fitte
  • Disidratazione

Questi sintomi sono abbastanza facili da riconoscere se si osservano attentamente i movimenti e il comportamento del gatto nel corso della giornata. Ovviamente non è semplice studiare ogni mossa del proprio micio, per cui se si sospettano disturbi digestivi in corso è consigliabile rivolgersi al veterinario per una corretta diagnosi, ricordandosi che prima vengono individuati e più facile sarà il trattamento da seguire.

Principali cause dei disturbi digestivi

Ecco un elenco delle principali cause dei disturbi digestivi felini:

Cibo

Il cibo è il primo aspetto da analizzare in caso di disturbi digestivi, specie se si tratta di un gatto anziano. Un regime alimentare malsano e ricco di prodotti alimentari trasformati, additivi e sostanze chimiche aggiunte comporta un accumulo di tossicità che alla lunga può nuocere all’apparato digerente del gatto e con esso tutte le altre funzioni corporee che supporta. Allo stesso modo, è sconsigliato dargli da mangiare cibo destinato alle persone. Per questo motivo, occorre selezionare attentamente il prodotto da acquistare puntando sulla qualità.

Batteri

I batteri causano non pochi danni al sistema digestivo. Essi si insediano nel corpo del nostro amico a quattro zampe rilasciando tossine nocive attraverso il contatto con altri gatti o proprio tramite il cibo decomposto e scaduto. Per debellare la minaccia batterica occorre prestare attenzione a tutto ciò che il nostro micio mangia avendo premura di nutrirlo in modo sano ed equilibrato.

Mancanza di esercizio

L’esercizio fisico è fondamentale non solo per evitare problemi di peso ma anche per favorire una corretta digestione. Infatti, un regolare movimento stimola l’attività metabolica rendendo più veloce la trasformazione del cibo in energia. Non è un caso che un gatto sedentario riscontri più difficoltà nella digestione rispetto ad uno attivo.

Età

Anche l’età può incidere negativamente sull’apparato digerente del gatto perché si verifica un rallentamento delle funzionalità corporee. Per questo motivo, è importante stimolare il proprio compagno di giochi a uno stile di vita attivo e sano per scongiurare disturbi digestivi correlati all’età che avanza.

Come favorire una corretta digestione nel gatto

Se il nostro gatto soffre di disturbi digestivi possiamo fare molto per aiutarlo. Anzitutto è necessario impostare una dieta sana ed equilibrata che preveda l’assunzione di cibi specifici per stimolare la digestione, in particolare se si tratta di un gatto anziano con un apparato digerente meno reattivo. Invece, l’alimentazione del gatto giovane deve essere completa e ricca di vitamine, minerali e proteine, necessarie alla crescita e al rinforzo di muscoli e ossa.

In secondo luogo, il nostro amico felino deve svolgere una regolare attività fisica perché facilita la digestione e accelera il metabolismo. Si sa, i gatti sono animali molto sfuggenti, per cui a volte è davvero difficile metterli in moto. Tuttavia, alcune strategie possono funzionare, ad esempio come nascondere il cibo per invogliare a cercarlo oppure posizionare dei giochi che prevedano salti o arrampicate.

Integratori per gatti a supporto della digestione

Un altro valido aiuto che possiamo offrire al nostro micio è quello di utilizzare integratori per gatti naturali specifici per disturbi digestivi. Con l’assunzione regolare di un supplemento il nostro gatto potrà ricevere la giusta quantità di nutrienti essenziali come vitamine, minerali e proteine che il solo cibo non basta a soddisfare. Anche i gatti più anziani possono trarre beneficio e sollievo dall’uso di integratori naturali che supportano una corretta digestione.