Metti 3 prodotti nel carrello: ne paghi due, l'altro te lo regaliamo noi. Usa il codice 3FOR2

Animigo

Come riconoscere la dermatite nel cane e come curarla

Così come la nostra pelle è delicata e ha bisogno di essere protetta, così anche quella dei nostri amici a quattro zampe necessita di altrettanta attenzione. Se il cane si gratta spesso e insistentemente, potrebbe essere colpa di qualche fattore esterno o interno. Capiamo come riconoscere una delle malattie canine più frequenti, la dermatite.

Come si manifesta la dermatite nel cane

Esattamente come per gli umani, anche la dermatite del cane si può classificare in diverse tipologie. Può essere allergica, atopica e da stress. Ogni tipologia ha la sua causa e il suo modo di manifestarsi, anche se non è sempre semplice riconoscerla.

  • La dermatite allergica è causata dalla reazione a un allergene, naturale oppure chimico, presente nell’ambiente in cui vive il cane. La cute si infiamma rapidamente, diventa rossa e comincia a prudere. Anche le punture di insetti possono provocare reazioni allergiche e dermatiti.
  • La dermatite atopica si manifesta in soggetti predisposti geneticamente a questo tipo di allergie. Provoca un forte prurito che può sfociare in lesioni cutanee perché il cane si gratta troppo violentemente. Può essere di tipo stagionale, dovuta ai pollini, oppure non stagionale e quindi causata da polvere o cibo.
  • La dermatite da stress può essere scatenata da una condizione di forte disagio per il cane. Cambiamenti a casa, eventi traumatici o mancanza di stimoli possono influire su questo malessere. Solitamente il cane comincia a leccarsi e grattare insistentemente le zampe anteriori fino a provocarsi lesioni anche profonde.

Come prevenire e curare la dermatite nel cane

Nel caso di dermatite allergica o atopica è necessario osservare le abitudini del cane ed eliminare eventuali allergeni dagli ambienti che frequenta ogni giorno. Spesso bisogna modificare anche la dieta alimentare. Nel caso della dermatite da stress invece è bene prestare attenzione alle situazioni che possono avergli provocato ansia e disagio.

Per curare nel modo migliore la dermatite del cane bisogna capire quale possa essere stata la causa scatenante della malattia. Dopo un’attenta visita dal veterinario, sarà questo a definire il trattamento più adatto al nostro amico a quattro zampe.

Esistono shampoo, creme e unguenti per alleviare i sintomi della malattia e ridurne il rischio di ricomparsa. Altre volte sono necessari integratori e antibiotici per debellare il parassita dall’interno. Se ci fosse una predisposizione genetica alla dermatite, è importante saperla riconoscere per agire subito in modo da non peggiorare la situazione.

La dermatite è contagiosa?

La dermatite atopica non è contagiosa perché è una risposta dell’organismo all’allergene che la provoca. Quella allergica invece può essere contagiosa soprattutto in caso di dermatiti micotiche.

La dermatite causata da punture di pulci, acari o zecche può indicare che nell’ambiente casalingo c’è stata una possibile infestazione da parte di questi parassiti. I soggetti immunodepressi devono fare attenzione a queste situazioni e provvedere alla disinfezione degli ambienti domestici per evitare l’insorgere di patologie potenzialmente pericolose.

La salute del cane è una questione di famiglia, e non andrebbe mai sottovalutata. Per qualsiasi dubbio è sempre bene consultare uno specialista e fare tutti gli accertamenti del caso.